Il 1° Piano Aziendale della Cronicità. L’esperienza della ASL di Rieti per il triennio 2018-2020

 

MARINELLA D’INNOCENZO
Direttore Generale ASL di Rieti

 

Riassunto: Il tema della cronicità è certamente uno tra i più rilevanti con cui l’intero Sistema socio-sanitario deve fare i conti. Alla luce anche dei provvedimenti nazionali, che hanno dato forte impulso alla discussione, allargando il quadro del confronto, dunque, il miglioramento delle condizioni sociosanitarie e l’aumento medio della sopravvivenza, hanno portato progressivamente ad una profonda modificazione degli scenari di cura in quanto, parallelamente all’invecchiamento della popolazione, si è avuto un progressivo incremento delle malattie croniche, spesso presenti contemporaneamente nello stesso individuo. La domanda di servizi socio-sanitari per soggetti affetti da queste patologie, negli ultimi anni è diventata sempre più alta e, di conseguenza, è cresciuto l’ammontare delle risorse sanitarie destinate a questa fascia di popolazione.
     Come affronta quindi la sfida un’organizzazione complessa come l’Azienda Sanitaria? La ASL di Rieti ha risposto alla domanda realizzando il 1° Piano Aziendale della Cronicità, un documento che inquadra, attraverso obiettivi e indicatori precisi, le intenzioni e le azioni utili al superamento della frammentazione nell’erogazione dell’assistenza, assicurandone la continuità attraverso policy di connettività, allineamento e collaborazione entro e tra le diverse istituzioni sociosanitarie presenti sul territorio.

Parole chiave: Cronicità, patient centred care, Chronic Care Model/Expanded Chronic Care Model, Stratificazione, Percorsi Assistenziali Individualizzati per la Cronicità

Registrati per leggere il seguito...

Per visualizzare gli ultimi aggiornamenti del Codice dell'Ospedalità Privata
Clicca qui

Area Abbonati

Abbonati ora!

Cerca nelle riviste