La digital transformation del processo di continuità assistenziale ospedale-territorio e lo sviluppo della Centrale della Cronicità: un esempio di sinergia e integrazione a livello di Area Vasta (Progetto Area Vasta Sud Est)

 

NICOLÒ PESTELLI
Direttore della Programmazione Area Vasta Sud Est, Toscana, Italia

ELISABETTA NIGI
Nucleo Tecnico Programmazione Area Vasta Sud Est, Toscana, Italia

MARIA GIOVANNA D’AMATO
Staff Direzione Sanitaria Aziendale, Azienda USL Toscana Sud Est, Toscana, Italia

ANTONIO SERRA
UOC Pianificazione Innovazione Tecnologica e Sviluppo Reti Abilitanti, Azienda USL Toscana Sud Est, Toscana, Italia

CECILIA QUERCIOLI
Direzione Medica Presidio Ospedaliero Val d’Elsa, Azienda USL Toscana Sud Est, Toscana, Italia

ROBERTO GUSINU
Direttore Sanitario Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, Toscana, Italia

SIMONA DEI
Direttore Sanitario Azienda USL Toscana Sud Est, Toscana


Riassunto: L’attuale quadro epidemiologico e demografico, che delinea una situazione di progressivo invecchiamento della popolazione ed un aumento delle malattie cronico-degenerative, ha portato le organizzazioni sanitarie a cercare diverse modalità di gestione dei bisogni di salute dei cittadini.
     Come delineato nel Piano Nazionale delle Cronicità (2016) la continuità assistenziale ospedale-territorio diviene componente fondamentale nella gestione dei pazienti cronici polipatologici. L’ospedale deve essere concepito come uno snodo di alta specializzazione del sistema di cure per la cronicità, che interagisca con l’assistenza primaria e territoriale, attraverso la creazione di reti multispecialistiche. Alla luce di quanto sopra, in diverse realtà italiane sono stati messi in atto nuovi percorsi organizzativi volti a migliorare la presa in carico del paziente fragile e l’integrazione ospedale-territorio. In Regione Toscana, con la DGR 1010 del 2008 e poi la 679 del 2016, vengono istituite le Agenzie di Continuità Ospedale Territorio (ACOT) che diventano lo strumento operativo di governo dei percorsi ospedale-territorio. Nella Azienda USL Toscana Sud Est (AUSL TSE), dopo una prima fase di sperimentazione, è emersa la necessità di dare supporto al processo di sviluppo dell’ACOT, in particolar modo per quanto riguarda la definizione dei percorsi, il miglioramento dell’integrazione tecnologica, lo sviluppo di una reportistica di supporto al processo decisionale creando la Centrale della Cronicità. Le azioni che sono state intraprese dalla Direzione della Programmazione di Area Vasta Sud Est, congiuntamente con la Direzione Sanitaria AUSL Toscana Sud Est, sono state incentrate soprattutto a:
     i) migliorare il sistema di integrazione tecnologica tra gli apparati informatici per la gestione delle dimissioni;
     ii) implementare un cruscotto di monitoraggio con definizione di indicatori e informazioni per sviluppare analisi predittive sul fabbisogno e costruzione di un sistema di reportistica utile a fornire elementi per programmare la politica sanitaria e le scelte organizzative interne;
    iii) ridefinire il ruolo e la collocazione della Centrale di Cronicità; iv) estendere a tutta l’Area Vasta Sud Est l’utilizzo dell’applicativo informatico per la gestione dei processi di dimissione.

Parole chiave: continuità ospedale-territorio, digital transformation, integrazione, cronicità

Abstract: The current epidemiological and demographic framework, which outlines a situation of progressive aging of the population and an increase in chronic-degenerative diseases, has led health organizations to seek different ways of managing citizens’ health needs.
     As outlined in the Italian National Chronicity Plan (2016), hospital-territory continuity of care becomes a fundamental component in the management of chronic polypathological patients. The hospital must be conceived as a highly specialized junction of the chronicity care system, which interacts with primary and territorial care, through the creation of multi-specialist networks. In Italy, different new healthcare organizational paths have been developed aimed at improving the care of the frail patient and the hospital-territory integration. In the Tuscany Region, with the DGRT 1010 of 2008 and then the 679 of 2016, the Agencies for the Territory-Hospital Continuity of Care (ATHCC) have been established as the operational instrument for governing hospital-territory paths. The Health Authority Toscana Sud Est, after a first phase of experimentation, recognized the need of supporting the development of the ATHCC and created the Chronicity Center with the focus on the definition of health pathways, the improvement of the technological integration and the development of a monitoring system to support the decision-making process. The actions undertaken by the Health Planning Office for the Tuscany South East Area, jointly with the Healthcare Management of Health Authority Toscana Sud Est and the Health Management of the University Hospital of Siena, were mainly focused on: i) improving the technological integration between software for the management of hospital discharge process; ii) implementing a monitoring dashboard with definition of indicators to develop predictive analyzes on the health needs and construction of a reporting system useful to provide elements for health planning policy and organizational choices; iii) redefining the role of the Chronicity Center; iv) to extend the use of the software for the management of hospital discharge process to the entire South East Tuscany Area.

Keywords: hospital-territory continuity of care, digital transformation, integration, chronic diseases

 

Registrati per leggere il seguito...

Per visualizzare gli ultimi aggiornamenti del Codice dell'Ospedalità Privata
Clicca qui

Area Abbonati

Abbonati ora!

Cerca nelle riviste