Il ruolo strategico della comunicazione sanitaria per l’accountability e per l’health literacy


FRANCESCO COLAVITA
Consulente esperto in management delle Aziende Sanitarie e delle Reti Sociali

SIMONA GENTILE
Funzionario, esperto in management delle Aziende Sanitarie - Direzione Generale per la Salute, Regione Molise


Riassunto:
La comunicazione sta assumendo un ruolo di fondamentale importanza nell’implementazione dei modelli organizzativi sanitari a diversi livelli. A seconda di quanto sia calibrata e pianificata, questa può determinare il buon esito o il fallimento di politiche sanitarie quali, ex plurimis, la ristrutturazione/riorganizzazione del sistema delle reti ed i processi di riconversione delle strutture. La comunicazione è anche strumento per migliorare l’accountability del Sistema, attraverso una rendicontazione periodica degli obiettivi, delle azioni e dei risultati raggiunti, anche nel rispetto dei principi di trasparenza che tanta importanza hanno assunto negli ultimi anni per le Pubbliche Amministrazioni e per le aziende sanitarie, in particolare. La comunicazione è, inoltre, supporto fondamentale altresì per l’health literacy quale considerevole strategia di empowerment e di partecipazione attiva della popolazione ai processi di riconversione. Stando quindi anche a quanto affermato dal primo assioma della Scuola di Palo Alto (non si può non comunicare) anche le Regioni e le Aziende Sanitarie devono sviluppare interazioni comunicative con e nel il contesto in cui operano.
     La non-comunicazione è impossibile, perché qualsiasi comportamento, anche quello di un’azienda sanitaria, comunica qualcosa.


Parole chiave:
strutture di prossimità, deospedalizzazione, comunicazione, health literacy, marketing sanitario

Registrati per leggere il seguito...

Area Abbonati

Abbonati ora!

Cerca nelle riviste