Il rischio di modello nel percorso d’acquisizione del consenso informato

 

Gianni Costa
Responsabile Amministrativo “Casa del Sole”, Formia

Nicola Maiale
Consulente Legale, Pescara

Priscilla Pascolo
Infermiera Professionale, Reparto di Endoscopia, Casa di cura Mater Dei, Roma

Serenella Pezzino
Collaboratrice presso lo Studio commerciale “Zanetti“, Roma

     

      La gestione del rischio, intesa sia come insieme delle modalità di riduzione della probabilità del verificarsi di errori clinici che di quelle necessarie alla loro gestione nel caso in cui essi compaiano, deve diventare parte integrante del processo di miglioramento organizzativo della sanità. Il presente studio è focalizzato sull’analisi del rischio di modello nel percorso di acquisizione del consenso informato ed ha come finalità quella di contribuire all’elaborazione di un percorso teso alla riduzione del rischio di modello derivante dall’eccessiva standardizzazione delle procedure informative rivolte al paziente, spesso relegate a mera formalità burocratica. Il target della ricerca è costituito da un campione di 207 pazienti, dislocati su 3 strutture ospedaliere del centro Italia, costituito da 117 uomini e 90 donne, tutti maggiorenni e tutti sottoposti ad interventi chirurgici elettivi. Lo studio ha evidenziato la non completa efficacia delle azioni messe in atto dai professionisti sanitari e dalle strutture coinvolte. Le informazioni date agli assistiti sono ancora lontane dall’essere perfettamente in linea con la centralità del paziente. Ci si ferma alla gestione del rischio di parametro e di processo, senza analizzare invece errori derivanti dal rischio di modello.

 

Registrati per leggere il seguito...

Area Abbonati

Abbonati ora!

Cerca nelle riviste