Mondo Sanitario - n.05 - Maggio - 2014

1. Studi e Ricerche

1.1 Gli influssi della Dispositivo Vigilanza nella Supply Chain

M. Lo Sapio, R. Randisi, M. Maccari, A. Verzuri, C. Quercioli, N. Nante

Parole Chiave:

Negli ultimi anni, nel settore sanitario, accanto ai classici termini “farmaco” e “medicinale” si è iniziato a parlare di “dispositivo medico”; mentre nel mondo anglosassone già da anni si parlava di “medical devices”, in Italia la diffusione è piuttosto recente.
La Regione Toscana con la legge n. 40/2005 ha istituito gli “Enti per i servizi tecnico-amministrativi di area vasta” (ESTAV) a supporto delle Aziende sanitarie; in particolare all’art. 101 ne sono state delineate le competenze, tra cui l’approvvigionamento di beni e servizi.
Con la delibera della Giunta Regionale n. 1234/2012 sono stati disciplinati i criteri di scelta dei dispositivi medici, a partire dall’analisi qualitativa dei prodotti Health Technology Assessment attualmente generati nei diversi contesti aziendali, così da delineare la metodologia per favorire le collaborazioni interprofessionali puntando sull’efficacia e soprattutto sull’appropriatezza d’uso delle innovazioni tecnologiche.
Nell’Azienda Usl 7 di Siena, in linea con le direttive impartite dalla stessa Regione Toscana, gli obiettivi sono: creare momenti di formazione, confronto e supporto periodico con gli operatori sanitari; la diffusione dei percorsi per favorire la conoscenza e l’adozione degli strumenti per la dispositivo vigilanza, aumentando la sensibilità alla segnalazione e permettendo così alla Regione di dare un importante contributo in merito all’efficienza del sistema sanitario nazionale.

Non sei autorizzato al download di questo articolo in formato PDF!

Area Abbonati

Abbonati ora!