Mondo Sanitario - n.06 - Giugno - 2014

1. I modelli organizzativi ex D.Lgs. 231/2001

1.4 Il rating di legalità per le imprese: benefici e vantaggi per le imprese che acquisiscono le stellette

S. Poggi

Parole Chiave:

L’emanazione del decreto legge 1/2012 ha avviato una vera e propria evoluzione intellettuale del concetto di fare impresa. L’impostazione tipicamente quantitativa che scandiva, fino a quel momento, i rapporti fra aziende ed ambiente circostante doveva necessariamente lasciare spazio ad una nuova serie di indicatori qualitativi non orientati più ai soli risultati economico-finanziari, ma che andava ben oltre a tali vincoli. Con l’introduzione del rating di legalità tutte quelle imprese che già da tempo avevano intrapreso un percorso parallelo al rispetto degli standard richiesti dalle varie edizioni di Basilea vedono, ora, riconosciuti i loro sforzi. Tutto ciò grazie ad un sistema premiale che attribuisce un doppio punteggio: per i requisiti di accesso (punteggio pari ad una stella), di tipo penal-preventivo attraverso un’autocertificazione sulla storia passata dell’ente e dei suoi amministratori, e per i requisiti di incremento (punteggio pari ad ulteriori due stelle) derivanti dalla realizzazione di modelli e sistemi di corporate governance e di compliance all’interno dei quali il Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 e seguenti assume una significativa e preponderante rilevanza. Ora la risposta spetta alle banche che potranno affermare ed ottimizzare la propria corporate reputation nei confronti del mercato grazie alla valorizzazione delle imprese-clienti dotate del rating di legalità.

Non sei autorizzato al download di questo articolo in formato PDF!

Area Abbonati

Abbonati ora!