L’informazione in tempo di COVID è people centric e sfrutta la forza dei social network


ROBERTA MOCHI
Capo Ufficio Stampa ASL Roma 1

 

Riassunto: La comunicazione in tempo di COVID è cambiata. Nei 300 giorni dalla fase uno alla seconda ondata i comunicatori pubblici hanno dovuto trasformare in fretta la propria strategia di diffusione e adeguarsi a quelli che erano non solo i bisogni dei cittadini ma anche le nuove emozioni che paura e isolamento hanno fatto emergere. Non solo informazioni sui servizi sanitari, ma anche la difesa di un sistema, quello della sanità pubblica, che sta combattendo per non cedere di un passo di fronte alla pandemia.

Abstract: How can we give information in COVID’s time? Everything has changed, also this. In 300 days - from phase one to the second wave, public communicators had to quickly transform their dissemination strategy and adapt to what were not only the needs of citizens but also the new emotions that fear and isolation brought out. So Not only information on health services but also the defense of a system, that of public health, which is fighting not to give a step in the face of the pandemic.

Tag: public health, COVID, news, citizen, social network

Registrati per leggere il seguito...

Quaderni OS - Considerazioni e riflessioni su PNRR e Organizzazione Sanitaria

quaderni os nonisdi Marino Nonis

2021, pagg. 72, versione pdf € 15,00 - versione cartacea € 28,00 - © FRG Editore, Roma

Versione pdf € 15,00

Codice offerta

Versione Cartacea € 28,00

Codice offerta


Area Abbonati

Abbonati ora!

Cerca nelle riviste