Analisi del sistema di valutazione dei direttori generali delle ASL. Il caso Lazio

Pier Luigi Impedovo, Daniela Runci
Controller ed internal auditor - Consulenti presso il Consiglio della Regione Lazio


Riassunto
: Nel 2007 per la Regione Lazio è stato approvato il Piano di Rientro con l’obiettivo di riportare il Servizio sanitario regionale in condizioni di equilibrio economico finanziario, attraverso un sistema articolato di interventi, azioni e misure dirette all’individuazione di specifici obiettivi di risanamento, nel rispetto dei livelli essenziali di assistenza.
     Dopo quasi 10 anni è necessaria una riflessione sulle modalità di gestione del sistema sanitario, rendendo indispensabile valutare non solo i risultati economico finanziari ma, soprattutto, le performance in termini di appropriatezza e valore aggiunto offerto ai cittadini.
     Perché ciò avvenga è necessario un approccio sistemico, di confronto tra i diversi servizi regionali e tra le aziende che li compongono, un sistema multidimensionale che permetta di descrivere il reale andamento delle variabili che compongono le azioni poste in essere dalle Aziende e dalla Regione, e soprattutto condiviso e trasparente.
     Si rilevano, invece, le incongruenze con cui sono stati assegnati, dalla Regione Lazio, gli obiettivi ai direttori generali, senza che essi abbiano rappresentato le spinte motivazionali volte all’adeguamento dell’offerta al fabbisogno reale. Il controllo regionale, che rifugge da una valutazione oggettiva di tipo comparativo (la mancata adesione al network delle regioni della Scuola Sant’Anna di Pisa è emblematico), è lontano dall’effettuare ogni approfondimento pertinente, relativo all’effettiva attuazione delle azioni fondamentali e strategiche di salvaguardia della salute della popolazione.

Parole chiave: Performance, Valutazione, Salute, Direttori generali, Obiettivi

Abstract: In 2007 for the Lazio region Re-entry plan was approved, the goal was to bring the regional health service in conditions of economic financial equilibrium, through a complex system of measures and actions aimed to identify specific objectives of fiscal consolidation, while respecting the essential levels of assistance. After nearly 10 years requires a quickening in procedures in the health care system, making it essential to assess not only the economic and financial results but, above all, the performance in terms of appropriateness and value it provides to citizens. To achieve the aim it is required a systemic approach, comparing the different regional services, and the Trusts that compose them, a multi-dimensional system that allows to describe the actual performance of both, and especially trasparency.
     It appears, instead, the inconsistencies with which the Region assigned the goals to general managers, not representing the motivational thrusts aimed to supply to the real needs. The endorsement of the regional control, which shrinks from an objective assessment of comparative (the non-adherence to the network of regions of school Sant'Anna of Pisa is emblematic), is far from making any relevant study on the effective implementation of the fundamental and strategic actions to safeguard the health of the population.

Key words: Performance, Valuation, Health, General Manager, AIM

Registrati per leggere il seguito...

Per visualizzare gli ultimi aggiornamenti del Codice dell'Ospedalità Privata
Clicca qui

Area Abbonati

Abbonati ora!

Cerca nelle riviste