Infermiere di famiglia e di comunità: passaggio da un’assistenza “reattiva” ad una “proattiva”

 

MARIACRISTINA MAGNOCAVALLO
Presidente OPI Campobasso-Isernia, componente tavolo tecnico Ospedali di Comunità - Ministero della Salute, revisore dei conti FNOPI

ANDREA DI CESARE
Referente commissione comunicazione OPI Campobasso-Isernia, componente gruppo di lavoro social media FNOPI

FRANCESCO COLAVITA
Esperto di management delle ASL e delle reti dello sviluppo sociale, valutatore delle performance del SSN

 

Riassunto: Una nuova figura professionale si va affacciando nel complesso sistema delle professioni sanitarie. Nello specifico, l’infermiere di famiglia e di comunità è un professionista delle cure primarie che supporta l’integrazione ospedale-territorio, facendo della prossimità e della continuità assistenziale la propria peculiarità. Un profilo in fase di definizione, anche nelle competenze, che vari documenti di programmazione hanno provato a determinare. Il Codice Deontologico delle Professioni Infermieristiche 2019, testo approvato dal Consiglio Nazionale FNOPI, ne ha fissato ulteriori caratteristiche per standardizzarne le competenze. L’articolo descrive la figura dell’infermiere di famiglia e di comunità attraverso una revisione della letteratura e delle esperienze nazionali ed internazionali.

Parole chiave: infermiere di comunità, famiglia, assistenza infermieristica, ospedale-territorio

Registrati per leggere il seguito...

Per visualizzare gli ultimi aggiornamenti del Codice dell'Ospedalità Privata
Clicca qui

Area Abbonati

Abbonati ora!

Cerca nelle riviste